Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies.
00

Olio motore: come interpretare le sigle

di Andr3 4215

Etichette: tuning | olio | motore Colleziona

Ecco una guida per capire cosa significano le sigle degli olii motore, mi chiedevo sempre "cosa vogliono dire?"

Specifiche API ISO


Nel Nord America gli oli per motori a 2 tempi sono classificati con prestazioni definite da
API e NMMA= National Marine Manufacturers Association
cioè l’associazione americana dei costruttori di motori marini che ha sostituito la precedente
BIA = Boating Industry Association.
In allegato sono riportate le classificazioni adottate così come le applicazioni sui motori generalmente consigliate.

Specifiche JASO TISI

La JASO = Japanese Automobile Standars Organisation cioè l’organizzazione del settore 2 tempi che riunisce i costruttori moto HONDA SUZUKI YAMAHA, ha emesso del le specifiche che si riferiscono ai motori 2 tempi raffreddati ad aria o ad acqua per uso motociclistico.

Le JASO
considera quattro parametri di valutazione che sono:

* - potere lubrificante
* - detergenza
* - fumosità allo scarico
* - depositi condotti di scarico


Le prove sono fatte con benzina senza PB = piombo. A secondo del livello di prestazioni si distinguono tre categorie vale a dire:

* JASO FA = Qualità media
* JASO FB = Qualità buona
* JASO FC = Qualità ottima


La qualità ottima riguarda in maggior misura il contenimento della fumosità allo scarico. Le
prestazioni del lubrificante sono confrontate con quelle date da un olio di riferimento che è denominato

JATRE 1.

La sostanziale differenza tra speci fiche API e JASO è che quest’ultime prevedono una prova di fumosità allo scarico, particolarmente severa nella JASO FC, coll’intento di alleviare il problema dello scarico dei fumi nelle città asiatiche.
L'ente TISI = Thailand Industrial Standard Institute nel 1991, per la Tailandia, ha stabilito delle sue caratteristiche degli oli dei motori 2 tempi.

L’ISO
nel 1996 ha sviluppato delle“Specifiche GLOBALI” che sono il risultato di un lavoro di gruppo con l'intento di collegarsi, a livello mondiale, con le esigenze della prova JASO FC.

Nell’evolversi di queste situazioni sono state utilizzate anche delle sigle non definitive ma indicative per dare una idea delle prestazioni dell’olio 2 tempi. Esse si riferiscono a specifiche API cioè americane anche se sono da collegare con pre stazioni richieste per motori di costruzione europea. Un esempio diffuso sono quelle indicate come:

API TC + ed API TC++

Le varie specifiche internazionali considerano le prestazioni richieste da API e Jaso (per tale ragione sono dette GLOBALI) e comportano diverse prove d'omologazione sui motori per arrivare a definire un olio con il quale ottenere:

* ridotta emissione di fumi.
* evitare grippaggio del motore e formazione d’incrostazioni all'interno del tubo di scappamento (prova SUZUKI).
* una buona pulizia dei motori (prova HONDA DIO).

Occorre tuttavia osservare che le specifiche JASO e GLOBALI non sembrano soddisfare pienamente i costruttori europei.

In questa fase di transizione la classifica API può, in pratica, essere considerata:


* API TA per motori sino a 50 cc;
* API TB per motori da 50 125 cc;
* API TC per motori da 200 500;
* API TCW, TCW II, TCW 3 per motori fuori bordo di motoscafi e barche.
* Le API TBTD per taluni sono obsolete.

Da quanto sinora detto risulta evidente che la classificazione degli oli per motori a 2 tempi è complessa e non è ancora arrivata al punto in cui la classificazione è definita e non controversa. Nell’attesa d'arrivare ad una conclusione generalmente accettata si può ritenere ugualmente valida la classificazione più semplice e pratica e cioè:

SERVIZIO NORMALE = API TA
Per motori di piccola cilindrata;

SERVIZIO SEVERO = API TC
Per motori d'elevata cilindrata con alti giri quali le moto pompe fisse, poco raffreddate,e motorini per motoseghe che sono molto sollecitati.
Le esigenze tecniche dei costruttori di motori inducono di sovente ad indicare la gradazione SAE che, a volte, risulta superflua in quanto esistono degli oli “prediluiti” cioè resi più fluidi per favorirne la miscibilità con il carburante in sistemi ad iniezione.

Ciao ! Lascia un tuo commento:

Pubblica